Archivi tag: silvia geroldi

650. Haiku per bambini a Fa’ la cosa giusta (Milano)

 

 

468x60_flcg_savedate.gif

 

Fa’ la cosa giusta, fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, ha un ricchissimo programma dedicato anche ai bambini e alle famiglie. Tra i molti eventi, anche un laboratorio di haiku.

Si può giocare con la poesia? Certo!
Ispirati dal libro di Silvia Geroldi e Giuseppe Braghiroli, Senza ricetta, nella cucina di Martaimpariamo a comporre haiku poetici, buffi, nonsense… senza ricetta!

Si gioca tutti insieme, adulti e bambini. Senza gare, senza premi, divertendoci.

Quando: 20/03/2016 – 14:00 – 15:00
Dove: FieraMilanoCity, Spazio Creatività
A cura di: Silvia Geroldi
Partecipazione: gratuita – max 24 bambini + adulto accompagnatore
Per info e prenotazioni: sigerol@tin.it

 

haiku per bambini a fa la cosa giusta

Peperoncino_terredimezzo-1 (1).jpg

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,

463. Haiku su carta speziata in salsa d’Odissea

(13/12/2014, laboratorio di Silvia Geroldi)

Ieri a Como era una giornata grigia, ma noi nella sede nuovissima di Luminanda non ce ne siamo accorti.
Con l’unica precauzione di proteggere il tavolone bianco con un telo di plastica

6

ci siamo sbizzarriti a dipingere la carta con spezie profumate diluite con l’acqua. Questo il risultato steso ad asciugare:

2015-02-05 20.37.41

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutti i colori sono stati ottenuti esclusivamente con ingredienti naturali.
Si ok, per l’asciugatura abbiamo usato mezzi altamente tecnologici, è vero:

3

Profumo e colori hanno riscaldato l’atmosfera, mentre chiacchieravamo di Ulisse, di mostri e della finale di X Factor. Abbiamo mescolato parole e pennelli, spezie ed eroi. Eroi antichi ed eroi nuovi. Questa, forse, la traccia più significativa di questo laboratorio. Chi è un eroe oggi? Quali sono le sue qualità? Mi resta un’eco e la voglia di ripartire da queste domande.

In mezzo al tavolo su cui abbiamo lavorato campeggiava una seggiolina, simbolo di racconto, su cui erano appese alcune parole significative dell’Odissea.

10426839_835997533119342_7327181680767212060_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mentre i fogli asciugavano abbiamo giocato con alcune di queste parole, assegnandone una a testa.

1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seduti in cerchio, abbiamo provato un esperimento di microscrittura collettiva in forma di haiku (5-7-5 sillabe). Le parole dell’Odissea, più che suggerirci uno spirito zen, ci hanno portato per mano nel mondo dei viaggi, dei mostri, dei miti e dei videogiochi. Nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma in nuove tecniche narrative.

2015-02-05 20.31.29

 

Questi sono i nostri haiku, spero di averli fotografati tutti:

2015-02-05 20.24.18 2015-02-05 20.24.24 2015-02-05 20.24.31 2015-02-05 20.24.40 2015-02-05 20.24.50 2015-02-05 20.24.56 2015-02-05 20.25.01 2015-02-05 20.25.06 2015-02-05 20.25.11 2015-02-05 20.25.15

2015-02-05 20.25.39 2015-02-05 20.25.53

 

 

Con i profumi della carta speziata e con queste parole che ci vorticavano in testa – e la finale di X Factor, aleggiante nell’aria quanto il tandoori masala – abbiamo creato un libricino di sedici pagine partendo da un formato A3 piegando tre volte (piegatura in ottavo) e rilegando con un semplice filo rosso annodato.

7

4

Poi ci siamo sbizzarriti e mi spiace non aver fotografato tutti i libricini e aver malamente catturato solo qualche particolare. Meritavano tutti, chi per i testi, chi per le invenzioni, chi per l’idea generale, chi per le illustrazioni. Ecco qualche particolare:

2015-02-05 20.24.04 2015-02-05 20.24.11

(il mio libro vi piace, se non vi piace ditemelo, non mi offendo, grazie)

2015-02-05 20.26.09 2015-02-05 20.26.23

(non si parla solo di Fedez, si studia anche la batteria con entusiasmo!)

2015-02-05 20.26.41

(Francesco, 5 anni, mi ha dettato il titolo e ha disegnato una mappa e tante altre cose. Lui è un vero Pulcinoelefante)

2015-02-05 20.26.45 2015-02-05 20.28.28 2015-02-05 20.28.39  2015-02-05 20.34.49

2015-02-05 20.31.47

È stato bello, con l’aiuto della preziosissima Anna Buttarelli che coordina tutta la rassegna Illustrami, condividere insieme i singoli lavori e commentarli.
Grazie a tutti, è stato divertente e interessante lavorare con voi! Ecco la locandina dei prossimi incontri di Illustrami, se siete vicini a Como tenete d’occhio…

ILLUSTRAMI_cartolina

 

Per info sul laboratorio: sigerol@tin.it

Contrassegnato da tag ,
Annunci