677. In una grigia mattina, a cavallo di una chiocciola

In una grigia mattina qualsiasi, un gruppo di ragazzini vivaci procede a cavallo di una grande chiocciola sulla via dell’haiku. Le gambe irrequiete, la voglia di partecipare, lo scompiglio di una gita fuori classe.
Proviamo a rallentare.
Li invito a chiudere gli occhi, ad ascoltare le immagini. La poesia sta nello spazio tra la parola e l’immagine (quella dell’albo, se c’è, e quella che si crea in testa e nel cuore). Proprio lì in mezzo. E dunque, ad occhi chiusi:

1

da Giusi Quarenghi, Chiara Carrer, E sulle case il cielo, ed. Topipittori

“Beellaaa”, sussurra la prima fila.
Ed ora le chiocciole determinate di un autore giapponese.

1

Issa, Haiku scelti, La vita felice

Ed ecco la nostra, dispettosa.

1

Geroldi, Braghiroli, Senza ricetta, nella cucina di Marta, ed. Bohem Press

Gli haiku sono fotografie a passo lento di lumaca, sono occhi che si accorgono, svegli come antenne. La natura ripete il suo ciclo, ogni anno, e ogni volta il poeta nota qualcosa di nuovo. Perché tutto è uguale e tutto è diverso, sempre. Anche il poeta è diverso. Ognuno di noi cambia in continuazione.
Ce lo racconta anche BlexBolex, autore di un libro che più haiku di così non si può.

4

BlexBolex, Stagioni, Orecchio Acerbo

Proviamo a comporre? Presto qualche parola a chi teme il bianco, contiamo le sillabe ma senza ansia. La perfezione non è la nostra vera meta.

Io racconto che
tutto sia magico
in questo mondo.

Leggo le storie.
Le leggo da sola.
Mi riempio il cuore.

A voce alta
quando io mi arrabbio
e impazzisco.

La poesia
riempie tanto i cuori.
Gente felice.

Volare nel blu
insieme alle stelle
e poi atterrare.

Apro la porta
e vedo un bel cane.
Chiudo la porta.

Silenzio con te.
A me piace parlare
e senza sosta.

Uso i colori
con tanta attenzione
e tanto amore.

Ho un gatto inglese
Che dorme quasi sempre.
Lo penso nel cuore.

Un gran bel suono.
Un rullo di tamburi.
Tanta energia.

Il ticchettio è
un rumore che cresce
sulle nuvole.

Accidenti, forse non ho documentato tutti gli haiku.
Però la conclusione di questa corsa sfrenata a cavallo di una chiocciola ce l’ho. Eccome se ce l’ho. Eccola:

1

Grazie alla Libreria Tutti giù per terra di Monza per l’accoglienza e alle insegnanti per gli occhi ridenti.

Annunci

4 thoughts on “677. In una grigia mattina, a cavallo di una chiocciola

  1. tramedipensieri ha detto:

    Bellissima questa pagina!

  2. […] Spero di avere il tempo di documentare almeno in parte i percorsi che farò con le singole classi, intanto metto qui la prima cavalcata a dorso di chiocciola. […]

  3. […] raccontato anche alcune delle mie sperimentazioni: La parola più importante, le esperienze in libreria, i progetti articolati a scuola, i nascenti esercizi […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: