616. Haiku a Toirano. Parole e immagini.

Col mese delle piogge,
l’intimità delle mosche
sulla terra di questo giardino.

Ryunosuke Akutagawa

10 haiku

6 giugno 2015, una giornata caldissima.
Eccoci qui, nella fresca sala di lettura della biblioteca di Toirano. Palazzo d’epoca, luce morbida, abbracciati dagli appennini più verdi che mai. Diversi adulti incuriositi, tra cui anche Giuseppe De Fezza (Vicesindaco), Deni Aicardi (Assessore ai servizi sociali), Nicola Panizza (Responsabile della Biblioteca).
Libri intorno e libri sul tavolo, ci sono naturalmente gli autori classici giapponesi tra cui ho selezionato haiku che descrivono situazioni legate ai luoghi. Ne leggo qualcuno, perché più che concentrarci sulla forma poetica scandita da 5/7/5 sillabe mi interessa smuovere pensieri e associazioni mentali, soprattutto è importante capire che la letteratura avvicina luoghi distanti nel tempo e nello spazio. Operazione suggestiva in biblioteca, no?

IMG_0314v

Sarà dunque questo paese, Toirano, ad ispirarci.
In particolare, lo spunto per giocare con le parole è dato dalla mostra fotografica di Roberto Oliva, visibile fino al 30 agosto presso il museo in una sala di grande atmosfera. Le fotografie di Roberto, questa serie in particolare, sono un po’ come haiku: piccoli dettagli decontestualizzati, innegabilmente fanno parte della realtà quotidiana ma aprono anche spazi all’interpretazione soggettiva. Facile guardare queste immagini e sentire risuonare parole. Non resta che provare ad incastrarle nello schema 5/7/5 sillabe tipico dell’haiku.
E dunque al lavoro, tra brainstorming, scrittura collettiva a tratti ironica, chiacchiere informali sul marketing territoriale…

24 haiku

Suono del tempo
che è andato lontano
ormai è smarrito.

Il nostro orgoglio
paese sconosciuto
da riscoprire.

Chiacchiere calme
liberiamo le idee
in forma d’haiku.

Cerco silenzio
e rimbalza sui muri
ciò che rimane.

Legno e ferro.
Tradizione rinasce
solo guardando.

Neve sul mare
e Natale già incombe.
Alta stagione.

Ci distraiamo.
Programmi per la sera.
Pizza a Ceriale.

Mare lontano.
Ne sento il profumo.
Schiuma d’argento.

Fotografia
dell’attimo fuggente.
Istantanea.

La biblioteca.
Le parole affacciate
sulla collina.

Daini nel bosco.
Il ringhio di un cinghiale
a Barescione.

Io cittadina
non vedo più le stelle
ma ho desideri.

Dormono i libri.
Gli amici di carta
sullo scaffale.

Terrazzamenti.
Sudore del passato
che si ripete.

I muri spessi
filtrano il passato
del mio paese.

Il nostro orgoglio
paese sconosciuto
da riscoprire.

Qui, lentamente
il rumore di passi
della provincia.

Fiori di pietra
sorridono perenni
mentre invecchiamo.

Rifugi arcaici
nel cuore della terra.
Anima d’acqua.

Roccia liquida.
Fragilità profonda.
In fondo, il mare.

L’ulivo ascolta
tutti i nostri segreti.
Non ci giudica.

La chiesa vuota
e gli angeli in silenzio.
Soffio di vento.

22 haiku

13 haiku

14 haiku

18 haiku

2 haiku

Condurre un laboratorio con i capelli ancora umidi di mare
dopo il primo bagno della stagione? Fatto!

Poi ci sono i bambini. Due, bravissimi.

Giulia incolla i nostri haiku su un cartellone…

3 haiku

e gioca con gli haiku sulla creatività che ho scritto per la rivista Spazio, essere bambini è bellissimo. Per fortuna Anna Pirolli ha preso bene la rielaborazione grafica…

29 haiku

8 haiku

Poi c’è lui, Leo, quasi quattro anni. Lui e la sua sensibilissima mamma, che coglie pienamente il senso dello scrivere haiku insieme ai bambini. Questo bimbo dagli occhi smeraldo detta pensieri molto vivaci, riempiendo un intero cartellone. Il mio intervento è solo quello di verificare che abbia tutti i requisiti del piccolo poeta di haiku. Dita ne ha, ballerine. Leo, ce li hai gli occhi grandi?

27 occhi grandi

Superata anche la prova degli occhi grandi, questo suo pensiero

L’acqua nuota nei pesci

si incastra con naturalezza nella formula 5/7/5:

Mare al contrario.
L’acqua nuota nei pesci
con fantasia.

Bravo Leo!

26 haiku

Angelo o diavolo?

Ringrazio tutti i partecipanti, l’amministrazione comunale, la biblioteca e Roberto Oliva per l’ospitalità e la gentilezza.

Annunci

7 thoughts on “616. Haiku a Toirano. Parole e immagini.

  1. tramedipensieri ha detto:

    Bellissimi tutti gli haiku!
    Bravi e complimenti a tutti!

  2. Grazie Silvia ! Che belle giornate (barescionesi) !!!!!

  3. […] CLIKKA Leggero come u Haiku – Lab di Silvia Geroldi dalle foto de ” Il mio paese non es… […]

  4. stimadidanno ha detto:

    L’ha ribloggato su all'ombrae ha commentato:
    #ilmiopaesenonesiste
    Ecco come è andata!

  5. annapirolli ha detto:

    Che belli Silvia, tutti gli aiku! e mi piace un sacco la “rielaborazione” dei disegni per gli aiku per Spazio!!! braviii

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: